Visualizzazioni totali

A tutti il benvenuto su Perle di Cucina!

Benvenuti amici, questo blog è tutto mio, ma sarà anche vostro, ve lo concedo......
Rubate le mie ricette ed io ne sarò estremamente felice!!!!

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 18 aprile 2011

E' nata una colomba!





La colomba è un dolce delicato, soffice, fragrante all'esterno e umido all'interno.
Rappresenta sin dai primi del 900' il simbolo della Pasqua e della primavera.
Ovvio che, con l'arrivo della planetaria era mio desiderio provare l'emozione di fare la colomba pasquale home made.
Ci è voluta moltissima pazienza, ma ne è valsa la pena! 
Il risultato è stato eccezionale e vale la pena provarci anche senza planetaria, ma ricordate bisogna avere pazienza.....d'altro canto la pazienza è la virtù dei forti!
Io ho seguito la ricetta di Vittorio e ho apportato qualche modifica. 

Ingredienti per il primo impasto:
40 gr. di farina manitoba ( io 00 barilla)
40 gr. di latte
20 gr. di lievito di birra oppure 7 gr. di lievito secco

Sciogliere bene il  lievito nel latte  e aggiungerlo piano piano alla farina, formate un panetto che coprirete con la pellicola e farete lievitare per 20 minuti.

Secondo impasto:
il primo impasto 
100 gr. di farina manitoba
130 gr. di acqua tiepida 

Al primo impasto aggiungete l'acqua tiepida (35°) e con una spatola di plastica sciogliete il primo impasto nell'acqua, poi aggiungete la farina manitoba e sempre con la spatola fate assorbire la farina, lavorate l'impasto delicatamente, coprite con la pellicola e fate lievitare nel forno spento con la lucetta accesa per 40 minuti.

Terzo impasto:
il secondo impasto
100 gr. di farina manitoba
20 gr. di burro a temperatura ambiente
20 gr. di zucchero

Al secondo impasto aggiungiamo lo zucchero, azioniamo la planetaria, la farina ed il burro a tocchetti, lasciamo lavorare la planetaria per qualche minuto e non appena l'impasto è liscio ed omogeneo, copriamolo con la pellicola e lasciamolo lievitare dentro il forno spento per 40 minuti.
Quarto impasto:
210 gr. di farina manitoba
120 gr. di uova ( circa 2 )
80 gr. di burro a temperatura ambiente
150 gr. di scorza di arancia (oppure 75 gr. di scorza di arancia e 75 gr. di scorza di limone)
120 gr. di zucchero
5 gr. di sale
150 gr. di canditi
40 gr. di mandorle tritate
5 gocce di essenza di vaniglia o due bustine di vanillina 

Quarto impasto:
Al terzo impasto aggiungiamo lo zucchero, la vanillina e impastiamo, la farina e le uova uno alla volta e impastiamo, il sale e la buccia degli agrumi grattugiata, lavoriamo con la planetaria sino a che le uova non sono state assorbite perfettamente.

A questo punto aggiungete il burro a tocchetti ed azionate la planetaria o impastate sino a che l'impasto non risulta liscio ed elastico, ci vorranno circa 40 minuti.
Aggiungiamo i canditi e le mandorle tritate, impastiamo a bassa velocità per evitare che  si rovinino.
Copriamo l'impasto e facciamo lievitare sino a che raddoppia.
Raggiunta la lievitazione necessaria, trasferite l'impasto sul piano di lavoro infarinato e sgonfiatelo, lavoratelo per qualche minuto con le mani e poi praticate le pieghe.

Trasferite l'impasto nello stampo della colomba e mettete a lievitare sino al raddoppio dentro il forno spento con la lucetta accesa e mettete accanto un recipiente d'acqua bollente.


Per la glassa:
30 gr. di mandorle
75 gr. di zucchero semolato
30 gr. di albume

Tritiamo le mandorle con lo zucchero nel mixer, aggiungiamo l'albume  e frulliamo per pochi secondi, spalmiamo questa glassa delicatamente sulla colomba lievitata con una spatola , distribuiamo sopra delle mandorle intere e dello zucchero a granella e dello zucchero a velo.

Inforniamo a forno preriscaldato 160° - 170° per circa 40 - 50 minuti.
Durante i  primi 20 minuti di cottura aprite il forno ogni 5 minuti per fare uscire il vapore.
Se vi accorgete che la colomba prende troppo colore dopo circa 25 minuti di cottura adagiatevi sopra un foglio di carta stagnola.
A cottura ultimata spegnete il forno e dopo 1 minuto uscite la colomba e fate raffreddare.

Nessun commento:

Posta un commento