Visualizzazioni totali

A tutti il benvenuto su Perle di Cucina!

Benvenuti amici, questo blog è tutto mio, ma sarà anche vostro, ve lo concedo......
Rubate le mie ricette ed io ne sarò estremamente felice!!!!

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 13 settembre 2011

La crostata col gelo di anguria

Ed eccoci quà a riprendere la nostra solita vita!
Salutate le ferie la sveglia ha ricominciato a sbraitare alla solita ora...!
Ma io non mi do per vinta ed oggi vi posto una ricettina che ho realizzato in questi giorni di vacanza che sà d'estate e di sole!
La crostata col gelo di anguria ( ri muluni ) che nelle tavole palermitane è un classico estivo.


Ingredienti per la frolla:
300 gr. di farina 00
150 gr. di burro ( io margarina )
100 gr. di zucchero
1 cucchiaino di lievito vanigliato
1 pizzico di sale
2 uova ed 1 tuorlo


Per la copertura al cioccolato:
200 gr. di cioccolato fondente
1 grossa noce di burro
latte q.b.


Per il gelo:
1 litro di succo di anguria
zucchero a piacere ( a secondo la dolcezza dell'anguria)
90 gr. di amido
1 busta di vanillina
cannella
cioccolato fondente a pezzetti


Procedimento:
La prima cosa da fare è preparare la pasta frolla mescolando tutti gli ingredienti molto velocemente, raccogliere l'impasto a palla avvolgerlo nella pellicola e riporlo in frigo per almeno 30 minuti.


Trascorsa la mezz'ora, riprendere l'impasto stenderlo col matterello riducendolo in una sfoglia sottile, io mi sono aiutata stendendolo sulla carta forno e poi l'ho trasferito nella teglia ricoprendo anche i bordi, in questo modo ho evitato di imburrare ed infarinare la teglia. 



Pizzicare la base ed i bordi con i rebbi di una forchetta



Inforniamo la base di pasta frolla nel forno, temperatura 180° - 160° sino a completa doratura
Adesso prepariamo la copertura al cioccolato e sciogliamo il cioccolato in un tegamino a bagnomaria, ridotto a scaglie con una noce di burro, appena sciolto aggiungete un pò di latte per renderlo più fluido, fate intiepidire e con l'aiuto di una pennellessa coprite lo scrigno di pasta frolla

Lasciamo asciugare bene la copertura al cioccolato e dedichiamoci al gelo di anguria.
Passiamo al setaccio i pezzi di anguria e ricaviamo 1 litro di succo, filtriamolo, aggiungiamo tanto zucchero fino a renderlo dolce ma non troppo, l'amido ed una bustina di vaniglia, poniamo sul fuoco e mescoliamo sino a che il gelo comincia a rapprendersi, spegniamo la fiamma e lasciamo intiepidire.

Con l'aiuto di un mestolo trasferiamo il gelo di anguria tiepido nello scrigno di pasta frolla con la copertura al cioccolato 
Decoriamo con la cannella in polvere e del cioccolato a scaglie, poniamo in frigo e facciamo raffreddare.


P.S.
Devo fare una precisazione, al gelo anzichè la cannella, tradizionalmente va aggiunta dell'acqua ai fiori di gelsomino, ma la mia pianta è sofferente e non aveva fiori, per cui ho aromatizzato con la cannella.
Buon Appetito!

6 commenti:

  1. E' un classico, ma in questa versione a crudo non l'ho mai mangiata...proverò!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Si, anch'io,ma ti assicuro che il gelo risulta più buono perchè non viene cotto due volte!
    Grazie della Visita, buona giornata anche a te!

    RispondiElimina
  3. anna6320:39:00

    complimenti perle ......veramente brava ,io ho mangiato la versione classica ma sicuramente dovro' cimentarmi nella tua versione ......amo cucinare e sperimentare come te ,da buona napoletana .....ciaoooo e alla prossima

    RispondiElimina
  4. Grazie Anna, io adoro i napoletani!
    bacio perle

    RispondiElimina
  5. Ciao Perle,ti ringrazio per essere venuta a trovarmi e,con piacere,ho scoperto che siamo vicine di casa(Trapani-Palermo).
    Sempre con piacere sono diventata tua lettrice e spero tu voglia fare altrettanto.
    Hai fatto una bella crostata,poi con il cioccolato è ancor più buona.Io la faccio ma in modo diverso,mettendo a cuocere il gelo in forno insieme alla frolla.Più in là posterò la ricetta.Complimenti e grazie.

    RispondiElimina
  6. Ciao Mariabianca, anch'io da subito sono tua lettrice, complimenti anche a te e viva la Sicilia!
    Ciao perle

    RispondiElimina